My 10 Most Influential Photographers

I admire a lot of photographers, sometimes I look at a picture and I think: “I’d like to shoot in this way”. Other photographers are one of my engines, from their pictures I can distill motivation and inspiration, every day, every moment. I tried to write down a list of the 10 most influential photographers of my life, either masters, either contemporaries. I’m not able to do a Top 10, so the list is in alphabetical order.

Jak Baruh
As I already told in this post, this turkish photographer was the spark that inspired the creation of my series Urban Melodies. I owe him a lot.
baruh

Margaret Bourke-White
Few years ago I’ve read her biography and her life was really an inspiration to me. I love her way to photograph, her passion, her incredible strenght.
Margaret-Bourke-White_pane

Henri Cartier-Bresson
What I can say about HCB? He’s the master of the masters, my first inspiration, maybe the one that made me love photography.
henri_cartier_bresson_bicycle

Robert Doisneau
Another incredible master. His famous “kiss” is hanged on the wall of my room. His eye really influenced my way to take pictures.
doisneau

Eric Kim
Eric is the most interesting blogger of our times. He teached me how care less about “likes” and enjoy more what I love to shoot. His blog is my breakfast, the best way to begin a new day. Furthermore, his street portraits are really great.
kim

Josef Koudelka
“When you live in a place for a long time, you start becoming blind because you don’t observe anything more. I travel to don’t become blind”. Josef’s words are the first line of my book. If I could meet a photographer, I’d like to meet Josef Koudelka.
koudelka

Saul Leiter
Maybe my favorite color photographer. His pictures can teach us that street photography is not only in black and white. One of the greatest photographers ever, in my opinion.
Saul_Leiter_street_photography_01

Vivian Maier
We all know her incredible story. Her way to tell people and neighborhood was awesome, almost unique. Can’t help to look at her photos, a great inspiration.
vivian

Rosario Oddo
Rosario is a film photographer from Chile. I love her way to tell her life, her friends, her travels, her experiences. Her way to look at the daily life is surprising and very inspiring to me. I love so much her style, it’s a sort of vintage photography of the modern age.
rosario

Marius “Vice” Vieth
Marius is really a good guy, always full of enthusiasm and passion. His famous article about 365 Project was a huge, huge inspiration for me. In some way he changed my way to look at the streets. His support for me is something precious and I can’t stop to thank him.
maximinimal

Other Influential Artists:
Edward Hopper, François Truffaut, Bruce Springsteen, David Lynch, Alex Webb, Stanley Kubrick, Wim Wenders, Masashi Wakui, William Turner, Fritz Lang, Ara Guler, Brassai and many others…

[Looking for more inspiration? Join us in the group Living Is Easy With One Eye Closed]

Photo of the day #84

Photo of the day, today, comes from Turkey and it’s a beautiful shot. Beauty is really everywhere around us: look at these harmonious shot, the shape of the tables, the strange lines on the floor, the good mix between hot tunes and cold tunes (yellow and grey are a great combo). This is one of the magical moment where daily life meets a beautiful secret: as I said before, beauty is really everywhere and photography, sometimes, helps us to remind it. The picture was taken by turkish photographer Gökhan Sarıyaz. Excellent!

[Looking for more inspiration? Join us in the group Living Is Easy With One Eye Closed]

gokhan

Roma Street Photography – 2° Walk and Shot

[English version below]

Ieri pomeriggio si è svolto il secondo appuntamento fotografico di quest’anno con i ragazzi e le ragazze di Roma Street Photography. Un piccolo raduno per conoscersi, fotografare insieme e fare il punto della situazione: Roma Street Photography è una realtà che sta crescendo come collettivo, come gruppo, con passione, entusiasmo e la giusta dose di ambizione. Personalmente è stata la prima volta in cui mi sono trovato a fotografare con più di una o due persone e devo dire che, per un “camminatore solitario” come me, è stata un’esperienza molto divertente. Il tema del giorno era il ritratto di strada, noto anche come “Ritratto ambientato”: per molti fotografi, me compreso, è stata una sfida contro la timidezza o con un genere fotografico mai sperimentato in precedenza. Un pomeriggio (purtroppo per me troppo breve) che mi ha insegnato molte cose: innanzitutto ho trovato davvero molto istruttivo vedere come fotografano altre persone (uno dei motivi per cui ho fotografato poco e ho osservato molto). Ogni fotografo ha i suoi segreti, il suo stile, il suo modo di catturare immagini, il suo modo di approcciare gli sconosciuti… Insomma, ancor più che guardare le foto degli altri fotografi, ho capito che osservare il modo in cui gli altri scattano è uno dei modi migliori per diventare fotografi migliori.

Quella del ritratto ambientato è stata anche un’esperienza istruttiva: per la prima volta ho chiesto a qualcuno di poterlo fotografare e, nonostante sia riuscito a fermare soltanto tre persone (la signora anziana è stata invece fermata da Massimiliano), qualcosa l’ho imparata: prima di tutto, come avevo già letto su altre pagine, quando qualcuno ti dice di sì, non bisogna distrarsi. Ma una cosa è leggerlo, un’altra è applicarlo: per esempio ieri, preso dalla fretta e dall’imbarazzo, ho scattato una foto ad una ragazza senza settare le impostazioni della macchina fotografica. Risultato: fotografia sottoesposta, salvata in qualche modo in post-produzione, ma comunque imperfetta. Ho imparato inoltre che (per me) è più semplice fotografare qualcuno che è già seduto, o fermo per strada, piuttosto che fermare qualcuno che sta camminando. Terza cosa, quando mi sono avvicinato ad una ragazza seduta al bar con le amiche chiedendole un ritratto, dirle di non ridere ha provocato esattamente l’effetto opposto: un sorriso spontaneo (in questo caso però lo scatto è rovinato dallo sfondo con altre persone al bar, che distraggono l’attenzione dal soggetto). Lo sfondo è anche il difetto principale del ritratto del signore con gli occhiali. Insomma, le cose che ho imparato sono le seguenti:

  • Osserva come lavorano gli altri, c’è sempre qualcosa da imparare.
  • Quando chiedi a qualcuno di fotografarlo, prenditi il tuo tempo per avere un bello sfondo e per impostare la macchina fotografica.
  • Molti, dopo che dicono di sì, guardano da un’altra parte: chiedi sempre di guardarti, il contatto visivo con chi guarda la fotografia in questo caso è fondamentale.
  • Se dopo due o tre foto ti dicono “Basta così”, sorridi e ringrazia.

_MG_6739

_MG_6736

_MG_6744

Yesterday there was the second photo-meeting of this year with the guys of Roma Street Photography. A meeting to know each other, take pictures together and make a brief about the group: Roma Street Photography is a reality that grows as a collective, as a group, with passion, enthusiasm and the right dose of ambition. Personally it was the first time for me to take pictures with more of one or two people and I have to say that, for a “lonely walker” as me, it was a very funny experience. The theme of the meeting was the Street Portrait: for many photographers, including me, it was a challange against our shyness and with a photographic genre never experimented before.

It was an afternoon (unluckly for me too short…) that teaches me lot of things: first of all I found really interesting to watch as other photographers do their pictures (one of the reasons why I’ve taken few photos and watched a lot). Every photographer has his own secrets, style, way to take pictures, way to approach strangers… So, more than watch other else’s photos, I understand that observe as the other photographers work is one of the best way to be a better photographer.

Street Portrait was an interesting experience as well: for the very first time I’ve asked permission to take a portrait and, even I’ve asked just to three people, I’ve learned something: first of all, as I read on other pages, when someone says yes, don’t be distracted. But one thing is read it, another thing is to apply it: for exemple yesterday, between rush and embarassment, I took a picture to a girl without setting my camera. Result: underexposed photo, more or less saved in post production, but unperfect. Furthermore I’ve learned that (for me) it’s easier to take a street portrait to someone already still on the street (on a bench, a stair, or in the middle of the street) than stop someone walking. Third thing, when I’ve approached a girl sitting in a bar with her friends, asking for a portrait, tell her “don’t smile” provoke the opposite: a spontaneus smile (in this photo the shoot is ruined by the background with other people in the bar). Wrong background is also the worst bug in the portrait of the man with glasses. So, I’ve learned the following lessons:

  • Watch the other photographers at work, there is always something to learn.
  • When you ask to someone for a portrait, take your time to have a good background and to set your camera.
  • Lot of people, after saying yes, turn his face in another direction. Always ask to look at you, the eye contact in this kink of photos is very important.
  • If, after two or three shoots, someone says you “Enough”, smile and say thank you.

_MG_6730

_MG_6727

_MG_6729

 

10 Regole sul Ritratto di Strada

[10 Rules about Street Portraits: english version here]

Uno dei miei più grandi propositi per il 2017 (per quanto riguarda la fotografia) è provare a realizzare ritratti di sconosciuti per strada. Seguo appassionatamente molti progetti di questo tipo, dal celebre Humans of NY fino a 365 Parisiens e molti altri, trovandoli tutti molto interessanti e d’ispirazione. C’è anche un altro motivo dietro questo mio proposito: sono timido, abbastanza timido. Per questo un progetto fotografico di questo tipo può rappresentare una sorta di sfida per me. Lo scorso anno ho provato a cominciare una serie di questo tipo su Instagram, fotografando persone che conosco (People I Know), ma ora voglio farlo meglio, con una macchina fotografica e con estranei, persone interessanti che incontro sulla mia strada. Per questo motivo ho letto alcuni articoli su internet, dove molti fotografi spiegano come scattare ritratti di strada (con il permesso). Il più interessante è l’articolo scritto da Danny Santos e voglio condividere con voi le dieci regole che ho imparato.

  1. La paura non andrà mai via, quindi continua a chiedere di poter fare una foto e non fermarti.
  2. Farla semplice. Chiedi solo di poter fare una foto, senza spiegazioni e perdite di tempo. 
  3. Sii oneesto. Quando ti chiedono “perché?” o “Per cosa è?” puoi rispondere che è per un progetto o semplicemente per fare pratica. Non mentire e la gente starà dalla tua parte.
  4. Resta positivo. Alcune persone diranno di no e qualche volta sembreranno preoccupate dalla tua domanda. Non buttarti giù, ringrazia e cerca qualcun altro.
  5. Dai ai tuoi soggetti un biglietto da visita. Saranno contenti di seguire il tuo progetto e si sentiranno più tranquillizzati. 
  6. Evita i sorrisi forzati. Prova a fare il ritratto di un’espressione naturale. Se proprio vuoi vedere la gente sorridere, falli ridere e cattura il momento.
  7. Cerca una buona luce. Essere troppo presi quando un soggetto vi dice di sì senza controllare la luce potrebbe farvi fare una brutta foto.
  8. Cerca di realizzare un progetto, non immagini singole. La serie sarà più interessante e avrà più senso se c’è un fattore che accomuna le persone che fotografi.
  9. Contatto visivo. Chi guarda la foto deve trovare una connessione immediata con il soggetto.
  10. Divertiti. La cosa più importante di tutte… 🙂

[Cerchi altra ispirazione? Raggiungici sul gruppo Living Is Easy With One Eye Closed]

streetportrait3

RomaCtC212

Come trovare il tuo stile fotografico

[How to build your own style in photography: english version here]

Oggi stavo leggendo un articolo interessante scritto da Eric Kim (sempre lui, forse sarebbe meglio per voi chiudere la mia pagina e aprire il blog di Eric!): lui suggerisce di combinare le vostre passioni e i vostri interessi con la fotografia, allo scopo di realizzare qualcosa di nuovo e, soprattutto, qualcosa di veramente personale. Questa è una parte dell’ultimo post che ho letto sul blog di Eric e voglio condividerlo con voi:

“Un modo per dare un’impronta al tuo stile fotografico è combinare i tuoi interessi al di fuori della fotografia. Per esempio, Sebastiao Salgado studiò economia ed era terrificato dal modo in cui i lavoratori erano trattati. Lui riuscì a combinare la sua passione per il lavoro umanitario con la fotografia e rese il suo lavoro unico. Saul Leiter era un pittore e amava il colore, motivo per cui ha fatto fotografie che sembrano dipinti (ma sulla strada). Richard Avedon invece era un ritrattista e un fotografo di pubblicità. La sua opera preferita è stata “In the American West” dove lui poteva connettersi con la gente comune in strada e realizzare i loro ritratti. Daido Moriyama era un ex-tossicodipendente e si è autodefinito un “cane vagabondo”. Lui è riuscito ad incanalare le sue emozioni, la sua frustazione e il senso di vagabondaggio nella sua fotografia di strada. Per quanto mi riguarda io ho studiato sociologia a scuola e vedo me stesso non tanto come un fotografo di strada, quanto come un sociologo di strada. Io penso che ciò che ha reso il mio approccio unico è il mio modo di usare la macchina fotografica come un attrezzo per la ricerca”.

Io ho studiato cinema per cinque anni all’università, forse per questa ragione cerco sempre una scena d’ispirazione cinematografica nelle mie immagini. E per quanto riguarda voi? Se lavorate in ufficio e vi piace la fotografia potreste magari realizzare un reportage sul vostro lavoro, o se invece la vostra passione è il calcio potreste scattare foto di persone per strada con indosso una maglietta da calcio (lo so, sembra una cavolata, ma è solo per rendere l’idea). Quindi, ditemi, per quanto riguarda voi?

[Cerchi altra ispirazione? Raggiungici sul gruppo Living Is Easy With One Eye Closed]

Saul_Leiter_street_photography_01Fotografia di Saul Leiter

Breve guida alla Street Photography: cos’è, come si fa

Garry Winogrand diceva che “la fotografia è scoprire ciò che può accadere dentro una cornice. Quando metti quattro bordi attorno a dei fatti, cambi quei fatti”. La Street Photography è uno dei generi fotografici più antichi e più diffusi: non appena la fotografia e i suoi mezzi sono diventati leggeri e sono usciti fuori dagli studi, i fotografi hanno cominciato a raccontare il mondo intorno a loro. I soggetti tipici della Street Photography sono gli attimi e i dettagli della vita quotidiana, che spesso passano inosservati, ma che in questo contesto vengono enfatizzati o valorizzati. Da un certo punto di vista questo genere fotografico trova analogie nella fotografia documentaria e nel foto-giornalismo, ma si distacca da questi per la capacità di raccontare situazioni curiose e apparentemente banali, per dare un senso ad un dettaglio di vita quotidiana. La Street Photography ha reso celebri alcuni dei fotografi più conosciuti di sempre, come Henri Cartier-Bresson, Robert Doisneau, William Klein, Margareth Bourke-White, Elliott Erwitt, Brassai, Walker Evans e moltissimi altri. In poche parole la Street Photography è definita come “una fotografia senza pose, senza studio, che cattura ed esplora la società contemporanea e le relazioni tra gli individui e l’ambiente in cui si muovono”. L’elemento chiave della Street Photography è dunque la spontaneità, la capacità di catturare un momento genuino, senza un’organizzazione precedente del “set” e senza che il soggetto fotografato sia consapevole di essere ripreso.

twtme001

Vi propongo di seguito alcuni consigli (ma badate bene, sono suggerimenti, non regole!) per quando vi troverete in strada con una macchina fotografica. Sono consigli basati sulla mia esperienza, su alcuni interessanti articoli letti sul web e scritti da qualcuno più bravo di me (in particolare sul blog di Eric Kim, che consiglio), nella speranza di migliorare, stimolare e avvicinare alla fotografia chi legge.

Continue reading

May 2017

I want to begin a sort of new feature on this blog. Every month I’ll show you my best shots of the month: well, my best 10 street photos (so excluding “Urban Melodies”). It will be just a reminder to me in order to understand how was my month and how much (or how less) I went out to take pictures. My May wasn’t a good month for photography, excluding a beautiful weekend in Naples. I need to take pictures more often, I need to stay less in front of my pc and more on the streets. By the way, these are my 10 favorite pictures of May. I definitely have to do better.

[Looking for more inspiration? Join us in the group Living Is Easy With One Eye Closed]

IMG_6489

Continue reading

Photo of the day #83

Another photo of the day from my city, Rome, where I’m discovering a lot of awesome photographers through the family of Roma Street Photography. This picture, Gnam, was taken by Andrea Boccone and it’s a good way to explain how street photography is getting away from documentary to become a new branch of fine art photography. This is really art: look at the shadows, the contrast, the lines. There is a new kind of street photography and I like it: well done, Andrea.

[Looking for more inspiration? Join us in the group Living Is Easy With One Eye Closed]

andreaboccone

Photo of the day #82

Today the photo of the day comes from my city, Roma, and the author is a photographer that I really admire a lot: Maurizio Scacchi. His pictures are always an original glimpse inside the streets and the alleys of Rome and this photo of the day is, in my opinion, one of his best: the use of light, the composition, the dome of Saint Peter in the background, the little bears on the floor, the two guys passing by… Magnific, absolutely magnific!

[Looking for more inspiration? Join us in the group Living Is Easy With One Eye Closed]

maurizioscacchi